Hastafisio “presenta” la Tecarterapia di ultima generazione

2 febbraio 2017

T.E.C.A.R.: una preziosa alleata per il recupero e per la risoluzione di moltissimi dolori di cui possono soffrire sportivi ma anche persone meno attive.

Tratto da Atnews
Alzi la mano lo sportivo che non vorrebbe avere sempre la sensazione dei muscoli rilassati, leggeri ed efficienti o colui che vorrebbe risolvere in tempi rapidi fastidiosi problemi muscolari, tendinei ed osteoarticolari.
Quando allo sportivo si presenta la necessità di intervenire sulla muscolatura per ottimizzare i lavori o recuperare da traumi, ecco che viene in aiuto la T.E.C.A.R., preziosa alleata per il recupero e per la risoluzione di moltissimi dolori di cui possono soffrire sportivi ma anche persone meno attive.
Unico centro riconosciuto HumanTecar® in provincia è il Centro Fisioterapico e di Medicina dello Sport Hastafisio, in via Sanguanini ad Asti, che disponde di due macchine HCR 1001 HumanTecar®, per una tecarterapia di ultima generazione.

Ma cos’è la Tecarterapia?
La terapia T.E.C.A.R. o “transfert electrical capacitive and resistive” ebbe origine alla fine del ‘800 quando Jacques Arsène d’Arsonval, dottore e fisico francese, scoprì gli effetti benefici che l’aumento della frequenza di una corrente tra gli 100 KHz e 10 MHz aveva sulla permeabilità della membrana plasmatica. Negli anni ‘20 assieme ad altri ricercatori sviluppò i primi elettrodi capacitivi e resistivi, ma fu solo nel 1995, grazie ad alcuni ricercatori italiani, che fu possibile applicare i principi di d’Arsonval in campo riabilitativo.

Qualsiasi tipo di patologia muscolo-scheletrica altera i processi biologici all’interno dei vari strati tissutali provocando una progressiva diminuzione del livello bioenergetico cellulare. L’apparecchio genera un campo elettromagnetico in grado di creare una biostimolazione della micro e macro circolazione, tramite l’utilizzo delle radiofrequenze che vengono a contatto con il tessuto biologico. L’idea di trasferire energia ai tessuti infortunati è comune a molte terapie come, per esempio, ipertermia, onde corte, magnetoterapia, ecc. ma tutte queste metodiche somministrano energia proveniente dall’esterno. HumanTecar® invece, agisce diversamente, perché richiama le cariche elettriche da tutto il corpo sfruttando il modello del condensatore, cioè due conduttori affacciati e separati da un isolante. Nella HumanTecar®, un elettrodo è collegato al generatore la cui frequenza è pari a 0,447 MHz, mentre il secondo è a contatto con la parte da trattare. La scelta di utilizzare la frequenza sopracitata deriva dal fatto che, in base agli studi eseguiti fino a questo momento, essa sembra essere quella più efficace. Il trattamento viene effettuato utilizzando due tipi di elettrodi, capacitivo e resistivo. L’elettrodo capacitivo è indicato per il trattamento dei tessuti più superficiali, mentre il resistivo agisce più in profondità. Nell’area trattata si avrà un flusso energetico con attivazione metabolica ed effetto termico endogeno.
Attualmente è una tecnica molto diffusa in ambito riabilitativo e serve a curare sia problematiche sportive che dolori cronici.
Nel caso di lesioni dello sportivo ad alto livello, il trattamento può essere effettuato sin dal primo momento, sfruttando l’effetto atermico, cioè senza produzione di calore, della T.E.C.A.R. che ci consente di favorire il processo di drenaggio linfatico e sanguigno. La tecnica HumanTecar® viene utilizzata per il trattamento di patologie muscolotendinee e osteoarticolari.

HumanTecar® è molto utile per intervenire su contusioni, contratture, lesioni muscolari, tendinopatie acute e croniche (achillea, rotulea, bandelletta iliotibiale, pubalgia, epicondilite, cuffia dei rotatori), borsiti, distorsioni (caviglia, ginocchio), capsulite adesiva (spalla), sinoviti, artrosi (anca, ginocchio, spalla), artrite, lombalgia e cervicalgia.

Il trattamento ha una durata di 20-30 minuti, a cadenza di 2-4 volte la settimana, per 5-10 sedute; non causa dolore, anzi spesso viene riferita dal paziente una sensazione di benefico calore e rilassamento.

La prescrizione della TECAR è di competenza del medico che dovrà valutare se esistono controindicazioni (presenza di PaceMaker, epilessia, tumori, gravi problemi vascolari).

HumanTecar® si pone come trattamento d’avanguardia in ambito riabilitativo.